Side Menu
Succede solo a Bologna APS | Cinque luoghi gratuiti da visitare a Bologna
Bologna è una città per tutti i gusti: storia, arte, cultura e un pizzico di mistero. E tanti sono i luoghi che ne raccontano l’indole o la storia. Una bellezza che in alcuni casi può essere apprezzata low cost, o meglio, senza prezzo! Tra chiese, luoghi sotterranei e simboli della cultura, i turisti possono scoprire tante ricchezze di Bologna gratuitamente.
Blog, Bologna
101310
page-template-default,page,page-id-101310,page-child,parent-pageid-101345,ajax_fade,page_not_loaded,smooth_scroll,
   

Bologna è una città per tutti i gusti: storia, arte, cultura e un pizzico di mistero. E tanti sono i luoghi che ne raccontano l’indole o la storia. Una bellezza che in alcuni casi può essere apprezzata low cost, o meglio, senza prezzo!

Tra chiese, luoghi sotterranei e simboli della cultura, i turisti possono scoprire tante ricchezze di Bologna gratuitamente.

Cattedrale di San Pietro

È la cattedrale di Bologna e si affaccia su via Indipendenza, tra le vie più centrali della città. La chiesa risale a prima dell’anno Mille, ma fu distrutta prima da un incendio, mentre nel 1222 un terremoto fece crollare il tetto. La Cattedrale fu poi ristrutturata prima nel 1605, perdendo ogni traccia dello stile romano-gotico, e poi nel XVIII secolo per volere di papa Benedetto XIV.

Al suo interno si possono ammirare le opere di grandi artisti come Prospero Fontana (l’affresco “L’Eterno Padre”), Ludovico Carracci (l’Annunciazione di Maria) e Donato Creti (pala d’altare che raffigura S. Ignazio di Loyola).

La Cattedrale di San Pietro si trova in via Indipendenza 9.

Orari di apertura: dal lunedì al sabato dalle 7.15 alle 19; domenica dalle 8 alle 19.


Basilica di San Petronio

Tanti la scambiano per il Duomo o la Cattedrale di Bologna, in realtà la Basilica di San Petronio è il tempio civico della città, fu infatti eretta per volere dei cittadini. È dedicata al Patrono di Bologna: San Petronio, celebrato il 4 ottobre. La posa della prima pietra avvenne nel 1390 con la direzione di Antonio di Vincenzo, ma la sua costruzione si protrasse per i secoli successivi. La sua consacrazione avvenne invece solo il 3 ottobre 1954.

Al suo interno è possibile ammirare, tra gli altri, la meridiana più lunga del mondo, opera di Gian Domenico Cassini, le 22 cappelle che si susseguono su entrambe le navate (undici a destra e undici a sinistra) e l’organo monumentale a registri indipendenti più antico al mondo situato sul lato destro del presbiterio.

La Basilica di San Petronio si trova in piazza Maggiore.

Orari di apertura: Tutti i giorni dalle 8.30 alle 13.30 e dalle 15.00 alle 18.30


Bagni di Mario o Conserva di Valverde

Erroneamente chiamata Bagni di Mario perché associata al Console romano Caio Mario, la Conserva di Valverde è un sistema di captazione delle acque di epoca rinascimentale, realizzata nel 1564 da Tommaso Laureti, architetto palermitano, per alimentare la Fontana del Nettuno. La costruzione è formata da una vasca principale di forma ottagonale, da quattro condotti ciechi che si inoltrano nella collina e da tre conserve di raccolta collegate fra di loro. Di notevole bellezza un altissimo camino completamente ricoperto da incrostazioni calcaree secolari.

La Conserva di Valverde si trova in via Bagni di Mario 10.

Orari di apertura: ogni sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15.30 alle 18.30 con ingresso a donazione libera.

Per saperne di più CLICCA QUI


Salaborsa

La Salaborsa è una biblioteca, inaugurata nel 2001, che si affaccia su Piazza Nettuno. Al suo interno è quindi possibile prendere in prestito o consultare libri, giornali, riviste, video, cd audio e dvd; sono inoltre presenti spazi per bambini e ragazzi e sale per lo studio.

La particolarità della Salaborsa è la presenza, sotto al pavimento trasparente di questo luogo, degli antichi scavi e delle testimonianze di varie civiltà che fanno rivivere secoli di storia: dai primi insediamenti della civiltà villanoviana, alla civiltà etrusca e della Bononia romana.

La Salaborsa si trova in Piazza Nettuno 3.

Orari di apertura: lunedì dalle 14.30 alle 20, da martedì a venerdì dalle 10 alle 20, sabato dalle 10 alle 19.


Santuario della Beata Vergine di San Luca

Non è nel centro dalla città, ma la sua bellezza vale qualche passo a piedi in più, a maggior ragione se fatto sotto al portico più lungo del mondo. Il Santuario della Madonna di San Luca sorge sul Colle della Guardia e fin dalle sue origini è sempre stato meta di pellegrinaggi per venerare l’icona della Vergine col Bambino detta “di San Luca”. Inoltre, per i bolognesi San Luca è un punto di riferimento, il luogo che quando si avvista all’orizzonte li fa subito sentire a casa.

All’interno della chiesa è conservata l’icona della Vergine che ogni anno viene portata in processione nella Cattedrale di San Pietro, dove resta per una settimana prima di tornare nella sua casa. La prima discesa in città avvenne il 5 luglio 1433 come richiesta d’aiuto del popolo bolognese a un momento in cui la città era tormentata da frequenti piogge. Inoltre, nella Sacrestia maggiore è presente anche il “Cristo che appare alla Madre” del Guercino.

Il Santuario della Madonna di San Luca si trova in via di San Luca 36.

Orari di apertura: Tutti i giorni dalle 7 alle 19.

Per saperne di più CLICCA QUI


Conosci altri luoghi da visitare gratuitamente?

Scrivi a ufficio.stampa@succedesoloabologna.it

Scopri Bologna con noi


Leggi gli altri articoli